child-3610637_1920.jpg

SERVIZI AMBULATORIALI

Il CE.T.R.A. propone trattamenti individuali e/o di gruppo disegnati sulla base del potenziamento delle funzionalità di ogni singolo bambino/ragazzo. In particolare i trattamenti ambulatoriali previsti saranno: 
- PSICOTERAPIA INDIVIDUALE E/O DI GRUPPO
-LEGO TERAPIA
-PERCORSO LOGOPEDICO
-PERCORSO PSICOMOTORIO/SENSORIALE
-ROBOTICA SOCIALE
-COLLOQUI CON I GENITORI FINALIZZATI ALL'ELABORAZIONE DELLA DIAGNOSI

PSICOTERAPIA INDIVIDUALE E/O DI GRUPPO

Diretta ai genitori

Si tratta di percorsi psicoterapeutici diretti ai genitori e finalizzati ad offrire, a coloro che ne faranno richiesta, uno spazio di elaborazione interpersonale delle dinamiche intrapersonali.

Diretta ai bambini/ragazzi

Nell’ambito del disturbo dello spettro autistico esistono fenotipi definiti ad alto-funzionamento cognitivo. Tra le possibili problematiche che questi bambini/ragazzi si trovano ad affrontare vi è la loro significativa vulnerabilità alla comorbidità psichiatrica (es. ansia, depressione) che è ampiamente documentata dalla letteratura. Il percorso di psicoterapia individuale e/o di gruppo cerca di rispondere a tale evidenza clinica sulla comorbidità. Il percorso offre ai bambini/ragazzi uno spazio di elaborazione interpersonale ed un ‘coaching’ per l’apprendimento di strategie socio-comunicative funzionali e pragmatiche.

LEGO TERAPIA

La terapia basata sul LEGO non è espressione di una particolare cornice teorica di riferimento quanto piuttosto una forma di intervento misto che si è sviluppato come conseguenza di espliciti interessi dei bambini con disturbo dello spettro autistico. Il cuore dell’intervento terapeutico è un processo collaborativo, con un’interdipendenza intrinseca, che crea un ambiente in cui sono necessari attenzione verso il gruppo, condivisione degli obiettivi, risultati di gruppo, relazioni interpersonali e rispetto e valorizzazione reciproci. La terapia basata sul LEGO infatti si basa su un naturale interesse dei bambini per le costruzioni. Attorno a questo interesse, che più spesso nei bambini con autismo potrebbe risultare in un’alternativa all’interazione sociale,  viene proposto un efficace intervento clinico di sviluppo sociale. Negli ultimi anni l’idea di disturbo dello spettro autistico, sia in termini di diagnosi che di trattamento, è stata destrutturata ed è in corso la costruzione di una nuova idea considerata non solo alla luce delle difficoltà di chi è affetto dal disturbo ma pure delle eccezionali abilità che possono contraddistinguere le persone che vivono la ‘condizione’ autistica.

La modalità del percorso ‘LEGO Terapia’ potrà svolgersi, sulla base delle singole necessità, in modalità individuale e/o di gruppo.

Il percorso LEGO Terapia in gruppo si articolerà in una sessione settimanale della durata di 3 ore. Durante la prima ora i partecipanti costituiranno un gruppo unico coordinato da uno specialista. Nell’arco di questa prima ora i partecipanti si confronteranno attorno ad un tema specifico proposto dallo specialista a partire dall’ esperienze raccontate dal gruppo. La seconda ora sarà dedicata alla suddivisione in diadi e sarà dedicata all’esperienza LEGO tout-court. La terza ora sarà quella di chiusura durante la quale i partecipanti, in gruppo, racconteranno la loro esperienza in diadi da un duplice punto di vista: quello contenutistico (la costruzione LEGO realizzata) e quello affettivo/emozionale.

 

PERCORSO DI LOGOPEDIA

 

Il percorso logopedico, individuale e/o di gruppo, offre un servizio specialistico di logopedia per bambini e ragazzi con disturbo dello spettro autistico. Il percorso di logopedia sarà diretto non soltanto agli aspetti strutturali, morfologici e semantici del linguaggio ma pure alla pragmatica della comunicazione.

PERCORSO PSICOMOTORIO/SENSORIALE

Il percorso psicomotorio/sensoriale, individuale e/o di gruppo, è importante alla luce dell’evidenza che il profilo  della maggior parte dei bambini/ragazzi con autismo appare diverso in senso iper o ipo reattivo con conseguenze a cascata sugli aspetti funzionali della vita quotidiana. Tale percorso si pone come obiettivo quello di offrire al bambino e ai suoi genitori strategie utili per la regolarizzazione dello stato psico-senso-motorio.

ROBOTICA SOCIALE 

Attraverso l’utilizzo delle più avanzate soluzioni della tecnologia dell’informazione e della comunicazione si è proposto di esplorare nuove strategie nel campo della diagnosi e dell’intervento di riabilitazione dei bambini con disturbi dello spettro autistico. NAO (Aldebaran Robotics), è un piccolo robot umanoide che comunica attraverso semplici movimenti corporei e con linguaggio verbale. In alcuni nostri studi sono stati condotti test d’interazione del bambino con il robot durante protocolli di imitazione e di attenzione condivisa mentre il bambino indossava sensori  indossabili per il monitoraggio di parametri fisiologici. L’uso di NAO si è prefissa di aumentare l’efficacia del trattamento terapeutico grazie anche alla “personalizzazione” e all’adattamento continuo alle caratteristiche peculiari di ciascun bambino e all’evoluzione della sua patologia.

Il percorso sperimentale ‘NAO robot’ si articola in sessioni bi-mensili della durata di 3 ore. Durante la prima ora i partecipanti  si confrontano attorno ad un tema specifico proposto dallo specialista a partire dalle esperienze raccontate dal gruppo. La seconda ora è dedicata alla sperimentazione dell’uso con NAO robot. La terza ora è quella di chiusura durante la quale i partecipanti, in gruppo, raccontano la loro esperienza con NAO robot da un duplice punto di vista: quello contenutistico (la programmazione) e quello affettivo/emozionale (l’interazione con NAO robot). Durante il percorso ‘NAO robot’, gli specialisti sono coadiuvati da personale informatico/ingegneristico.

COLLOQUI CON I GENITORI FINALIZZATI ALL'ELABORAZIONE DELLA DIAGNOSI

Si tratta di colloqui individuali con lo psicoterapeuta rivolti ai soli genitori e finalizzati alla elaborazione e alla consapevolezza della diagnosi, alla gestione dello stress, ed alla riconfigurazione e funzionamento coniugale/familiare.  In particolare le tematiche affrontate saranno:

(1) elaborazione della diagnosi;

(2) riconfigurazione e funzionamento coniugale/familiare;

(3) gestione dello stress cronico.